Nikname: Alevsurf
Nome e Cognome: Alessandro Venturini
Età: 14 anni
State: Regular
Anni di Surf: 8 anni
Città: Roma
Tavole che al momento sto usando :
5.4 /18 3/4 – 23.3 l Twins Speed Model
5.5 / 17.88 – 22 l RT Verdi small
5.7 / 17.50 – 22 l RT Verdi
5.7 / 18 3/4 – 23.5 l Xsurfboard Gladiator Model
5.8 / 18 2/8 – 23 l Twins Pro Grom Model

Surf trip che ho fatto fino ad ora:
Spagna (Playa de Somo), (Fuerteventura), (Lanzarote).
Francia (Biarritz), (Hossegor).
Portogallo (Peniche)
Marocco (Taghazout)
Maldive (Kandooma Right), (L’hois), (Male sud)

Le gare che ho fatto:
Rip Curl Grom Search Banzai 2015 U12 (2º posto)
Sogno del surf junior challenge 2015 U12 (3º posto)
Boca Do Mar junior cup 2016 U14 (1º posto)
Nora Junior Surf Cup 2016 U14 (4º posto)
Sogno del surf junior challenge 2017 U14 (5º posto)

Ciao a tutti sono Alessandro Venturini e sono originario di Ostia, una cittadina di Roma, proprio a due passi dal mare. Sono nato e cresciuto con “l’acqua da tutte le parti”, incominciando a nuotare a tre anni. D’estate trascorrevo la maggior parte del tempo più in mare che sulla terra ferma e sin dal primo istante si è instaurato subito un rapporto d’amore tra me e l’acqua. La cosa più bella che vedevo fare in mare era il surf. Così i miei genitori mi hanno regalato una tavola di spugna Triboard di decathlon quando avevo 6-7 anni e con tutto l’orgoglio e la voglia di imparare ad essere un bravo surfista mi misi assieme a qualche amico più grande a cercare di prendere qualche onda sulla secca.

Dopo anni di esperienza posso dire di essere migliorato tanto, ma questo non solo grazie ai tanti viaggi surfisti che ho fatto all’estero, alla costanza e all’allenamento che comunque sono stati di grande aiuto, bensì grazie a Blackwave, che con la sua professionalità e la sua impeccabile competenza mi ha preso ormai da quasi tre anni sotto la sua ala facendomi crescere e facendomi diventare sempre più bravo. Non smetterò mai di ringraziare Nicola Bresciani e Stefano Bellotti che mi aiutano a migliorare sempre di più, facendomi crescere e soprattutto per avermi dato la possibilità di far parte del “Pro Team”, un mitico gruppo di amici dove ci si allena duramente sia dentro che fuori dall’acqua per diventare un surfista a 360 gradi. Seguiamo allenamenti precisi con diete da seguire e ogni volta al mese ci ritroviamo tutti insieme in una località diversa dell’Italia, dalla Sardegna alla Liguria.

Il surf è fantastico, permette di creare un rapporto con la natura e con il mare indescrivibile, tanto da diventare non solo una filosofia di vita sicché uno stile di vita. Surfare un’onda credo sia un momento da contemplare, perché in quell’attimo si diventa tutt’uno con il mare e con gli elementi naturali e per me non c’è cosa più.

X