Nikname: Edo
Nome e Cognome: Edoardo Cartoni
Età: 16 anni
Città: Recco
Tavole che al momento sto usando :
MG 5’7
Psillakis 5’8
Lost “the stealth” 5’11

Le gare che ho fatto:
Pointbreak Fregene QuikSilver Junior Cup 2017
QuikSilver Junior Cup Viareggio 2017

Ciao a tutti mi chiamo Edoardo e abito a Camogli, in Liguria.

Ho sempre avuto un forte contatto con il mare fin da piccolo,quando durante le mareggiate estive mi spiaccicavo sul bagnasciuga di Camogli prendendo le onde a nuoto.

Non faccio surf da molti anni; ho iniziato a surfare all’etá di 11 anni grazie ad un mio carissimo amico,Jack Consiglio, che non smetterò mai di ringraziare per avermi introdotto in questo fantastico mondo. Ricordo ancora la prima volta:tipica giornata estiva, soleggiata e ventosa e satura del salino che le onde e il vento spargono nell’aria. Entrai in mare gasatissimo con uno spugnone BZ 6’0 di Jack e prendere la prima onda è stata senza dubbio l’esperienza più emozionante e sensazionale della mia vita. Fu subito amore tra me ed il surf e così iniziai piano piano a entrare in mare, con il supporto di amici che già da diversi anni surfavano, per poi diventare sempre più autonomo.

Tutto ciò che ho imparato finora è grazie agli amici con cui faccio surf, ai locals di Recco, ma soprattutto grazie a Blackwave, che ormai da due anni mi ha preso sotto la sua ala facendomi migliorare sempre di più grazie a veri e propri coach come Davide Onorato, Nicola Bresciani e Alessandro Demartini. Essere con Blackwave è a dir poco fantastico, perché grazie a Stefano, al Signor Maestro Davide e a tutto lo staff si riescono a passare giornate in compagnia  e soprattutto in allegria, che donano alla città di Recco un’aria californiana sebbene siano di più i giorni senza onde che con.

Il surf è fantastico, permette di creare un rapporto con la natura e con il mare favoloso, tanto da diventare non solo una filosofia di vita ma anche uno stile di essa. Surfare un’onda credo sia un momento da contemplare, perché in quell’attimo si diventa tutt’uno con il mare e con gli elementi naturali. Per me sta diventando sempre più una dipendenza e non posso non affermare che quando sto più di una settimana senza entrare in mare inizio a sentirne la mancanza, come credo la maggior parte dei surfisti.

Non smetterò mai di ringraziare Jack, Andre e Lollo perché mi hanno insegnato la base di questo sport.

Non smetterò mai di ringraziare i locals di Recco e tutti i surfisti della Liguria,cui maggior parte mi accolgono in acqua con piacere.

Non smetterò mai di ringraziare Davide Onorato,Nicola Bresciani e Alessandro Demartini,che con i loro consigli mi permettono di progredire in questo sport infinito.

Soprattutto non smetterò mai di ringraziare Stefano, il Signor Maestro Davide e tutto lo staff di Blackwave, che mi accolgono sempre a braccia aperte, e soprattutto per avermi dato la possibilità di far parte di questo fantastico “Pro Team”, un semplice gruppo di amici che si allenano per diventare dei surfisti a 360 gradi.

X